Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

           RISTRUTTURIAMO ASSIEME A VOI!

BLOG
Come ricavare un secondo bagno

BY IN ristrutturazione appartamento

Ristrutturazione: ricavare un bagno in più

La ristrutturazione di un appartamento si compone di tanti diversi dettagli che portano ad un risultato unico e inimitabile. Il caso in oggetto mostra come sia possibile all’ interno di un trilocale di Milano, dotato di un unico bagno ed un piccolo ripostiglio, ricavare un secondo bagno dal ripostiglio esistente.

Le diverse fasi progettuali vengono coordinate sapientemente dai tecnici di Auria Group, al fine di offrire alla committenza una risposta esaustiva alle proprie esigenze, attraverso la realizzazione di un prodotto edilizio che sia prestazionalmente efficiente e duraturo nel tempo ma che sia al contempo esteticamente attraente e al passo con le tendenze del momento.

Il progetto di ricavare un secondo bagno e un piccolo locale lavanderia/ripostiglio da una porzione del bagno esistente.

Stato di fatto

Stato di progetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo Stato di fatto dell’appartamento a Milano in oggetto prevedeva un ampio ingresso, un soggiorno, una cucina, due camere da letto, un piccolo ripostiglio e un ampio locale di servizio (6 mq circa).

Il progetto

Al fine di elaborare un progetto che rispondesse al meglio alle richieste del cliente, cioè di ricavare un altro bagno ed un piccolo locale lavanderia/ripostiglio, i tecnici progettisti di Auria hanno preliminarmente esaminato con occhio clinico e specializzato tutti i vincoli legati alla conformazione degli ambienti dell’appartamento e alla normativa igienico-sanitaria vigente.

Progetto

 

Il progetto proposto prevede di ricavare il nuovo bagno dal preesistente ripostiglio, abbattendo la parete confinante con la cameretta. Questo ambiente è stato leggermente rimpicciolito, mantenendo comunque i requisiti minimi di metratura per una camera doppia.

A fine di ricavare un bagno in tale posizione, fondamentale è stato verificare preliminarmente lo spessore del massetto esistente. Quest’ultimo è risultato sufficiente a realizzare la corretta pendenza per l’installazione della tubazione di scarico del nuovo impianto idrico-sanitario; le acque di scarico per essere convogliate nella colonna di scarico condominiale, collocata in adiacenza al bagno preesistente, necessitano di una determinata pendenza.

 

 

 

 

Il nuovo locale bagno è stato progettato per essere il bagno “principale” dell’abitazione. Il bagno esistente verrà predisposto per essere ad uso esclusivo della camera matrimoniale, diventando quindi, attraverso l’apertura di una porta a scrigno, bagno padronale. Il bagno ricavato ex-novo in oggetto, pertanto, è stato progettato con una metratura tale da permettere l’installazione di tutti gli apparecchi sanitari necessari, quali vaso, bidet, lavabo e doccia. Ad usufruirne, infatti, saranno oltre che i figli della committenza, anche gli eventuali ospiti.

Interessante in questo ambiente la soluzione proposta per nascondere un pilastro della struttura portante dell’edificio reso visibile dalla demolizione della parete divisoria ripostiglio-cameretta che ne confinava il profilo. E’ stata pensata una spalletta in corrispondenza del pilastro, sulla quale tre nicchie portasapone, oltre ad essere estremamente utili, donano carattere all’ ambiente doccia.

 

Nicchie portasapone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le ceramiche scelte per i rivestimenti, esclusivamente made in Italy, sono sui toni del grigio. La scelta di differenziare il rivestimento della zona doccia con un effetto mosaico è estremamente moderna e personalizzante. Anche per quanto riguarda la rubinetteria e i sanitari sospesi installati è stato privilegiato il made in Italy; emblema di tradizione e innovazione.

 

Sanitari sospesi

L’intervento, inoltre, prevede la creazione di un piccolo locale lavanderia/ripostiglio. Tale ambiente è stato ricavato sottraendo una porzione di metratura al molto ampio locale di servizio esistente; in particolare è stato creato con una profondità pari a 90 cm, sfruttando al meglio la metratura del locale di servizio. Seppur dalle dimensioni limitate il locale lavanderia/ripostiglio assolve alla sua funzione. La metratura del bagno padronale è stata mantenuta comunque superiore ai 4 mq in totale; è stato possibile, pertanto, installarvi tutti gli apparecchi sanitari necessari.

Le ceramiche scelte per il bagno padronale richiamano i toni del beige; anche in questo caso si è scelto di differenziare il rivestimento della zona doccia; in particolare si è optato per un rivestimento effetto pietra, che dona carattere ed incisività.

2 anni ago / No Comments

10

LUG

No

Comments

Tag:, , ,

Lascia un commento

WRITE A COMMENT